Crea sito

L’8 marzo della scuola Scelsa, la violenza si combatte tra i banchi

La violenza sulle donne si combatte partendo dalla scuola. Questa mattina alla scuola Scelsa di Palermo, alla presenza delle ragazze/i delle terze medie, è stato proiettato un video in cui viene raccontata la vera storia di Rosa, ragazza che si è ribellata al suo violentatore e che ha rifiutato il matrimonio riparatore con lui. Ha portato la sua sua testimonianza Vera Abbate figlia di Rosa.

“Vi voglio raccontare la storia di una giovane donna di 17 anni, che nel 1939 viveva in un paese della provincia di Palermo: Cinisi – racconta Vera -. Maria Rosa Vitale in quella bellissima età, che è l’adolescenza, venne “fuiuta”, venne portata via con la forza da un ragazzo e da i suoi complici perpetrando una pratica in uso in Sicilia fino a qualche anno fa. Io qui oggi vi racconto il coraggio di chi davanti alla violenza ed a un sogno di vita spezzato si è rialzata fiera. Credo che ognuno di noi possa con la propria vita contribuire al cambiamento”. Presenti il presidente della IV Circoscrizione Silvio Moncada e la consigliera Serena Potenza: “Come donna, come mamma, come rappresentante delle istituzioni – dice Potenza – ho il dovere di fare il possibile perchè il problema del femminicidio non venga ricordato soltanto quando succede una tragedia, ma dobbiamo attivare tutte le iniziative possibili per prevenire questo problema sociale”. “La donna troppo spesso viene considerata come un oggetto – aggiunge Moncada – una proprietà degli uomini. E’ importante organizzare momenti di condivisione nelle scuole perchè attraverso l’informazione possiamo insegnare ai ragazzi il rispetto per gli altri”. Ma la scuola Scelsa è sempre stata molto attenta ai temi relativi alla differenza di genere. “Sono personalmente convinta – dice la preside Ilaria Virciglio – che la parità sia ancora spesso solo uno slogan. Io ho deciso, insieme ai miei docenti, di ricominciare dalla scuola che, grazie alla formazione trasversale delle discipline, rappresenta il nostro sguardo di speranza sul futuro”.

Silvio Moncada
Palermo, lì 8 marzo 2017