Sospeso l’Avviso sullo sport nelle circoscrizioni: “Grave atto contro il decentramento”

Il Comune sospende la pubblicazione dell’Avviso sulle attività sportive delle circoscrizioni dopo il dibattito avvenuto in consiglio comunale. Il gesto scatena così l’ira dei presidenti delle otto circoscrizioni di Palermo che lo definiscono “un grave errore politico – dichiarano i presidenti delle circoscrizioni Paola Miceli Lucido, Antonio Tomaselli, Antonino Santangelo, Silvio Moncada, Fabio Teresi, Michele Maraventano, Pietro Gottuso e Marco Frasca Polara – che va in direzione contraria rispetto al programma del sindaco in materia di decentramento”.

I consigli di circoscrizione in due anni e mezzo hanno lavorato con l’amministrazione comunale per migliorare i servizi e ampliare gli spazi di partecipazione democratica. “L’Avviso sullo sport – proseguono i presidenti – rappresentava un segnale di valorizzazione delle funzioni propositive delle circoscrizioni verso l’attuazione di un reale decentramento. Non comprendiamo la scelta di sospendere l’avviso che aveva già suscitato notevole interesse nei territori da parte dei cittadini – dicono ancora – poiché il consiglio comunale non ha alcuna autorità sulle funzioni propositive delle circoscrizioni in particolare sulle attività sportive, le cui competenze sono state già attribuite ai consigli di circoscrizione”.

“Non siamo più disposti – aggiungono – ad accettare che venga calpestato il ruolo delle circoscrizioni da parte di un consiglio comunale avverso a qualsiasi forma di decentramento”. I presidenti chiedono pertanto all’assessore allo Sport Cesare La Piana di “ripubblicare lo stesso avviso, oggi sospeso e al sindaco Orlando – concludono – e di convocare formalmente e con urgenza la consulta dei presidenti, al fine di verificare se l’attuazione del decentramento continui ad essere ancora una priorità di questa amministrazione”.

Silvio Moncada
Palermo lì, 21 gennaio 2015

Precedente Faraone e la IV Circoscrizione visitano l'istituto Nautico di Palermo Successivo Scuola Bonanno, riscaldamenti attivi dopo 40 anni